top of page
  • Immagine del redattoreGiulia

Counseling: è tempo di ascoltarsi


Giulia Scandolara Counseling online

Misterioso è tutto quello che ancora non conosciamo di noi. Ma con l’ascolto tutto si chiarisce. Ecco, in sintesi, il senso del Counseling. Un aiuto umano che serve per capirci andando oltre le illusioni. Scopriamo davvero chi siamo. Impariamo a far accadere ciò che vogliamo.


Il lavoro su di sé

Non è facile avere un’esistenza che combaci con chi siamo, interiormente. Quando i desideri dentro di noi non trovano posto fuori, allora è tempo di iniziare un lavoro su di sé.


Ne parlano in molti, di questo famigerato ‘lavoro su di sé’. Ma non è semplice acciuffarne il senso.


Da una parte si tratta molto più semplicemente di lasciar affiorare la vita che vogliamo e tirarla fuori (farla passare avanti, lasciando indietro l’inutile). Dall’altra, questo compito ha un peso specifico che trattiene i più anche dal semplice ‘iniziare l’opera’.


Riscrivere la traiettoria interiore

Si chiama lavoro su di sé perché in effetti richiede uno sforzo, come ogni cosa che ci sposta da un punto A a un punto B. Tu oggi sei qui: dove vuoi andare, adesso?


Riscrivere la nostra traiettoria interiore e la nostra rotta è impegnativo, complesso. Ma è un viaggio assolutamente possibile. Anzi: doveroso, quando la dimensione quotidiana in cui ci troviamo al momento non ha un verso.


Il coraggio di guardarsi dentro è il piccolo avvio necessario. Chi resiste al richiamo vive una vita trascinata, irrisolta, scompigliata dai traumi del passato. Decidere di impostare una direzione alla propria esistenza è un atto forza che di per sé richiede già una grande dose di volontà.


Ma è quando entriamo in un percorso, che creiamo la svolta. Uso il plurale perché mi riferisco a noi due.


Ma il Counseling fa paura?

È chiaro che far entrare un professionista nella sfera della propria vita intima non è cosa da tutti i giorni. E in effetti la prima missione che hai, quando vuoi rivedere ciò che fai e dove sei, è proprio trovare la persona giusta con cui intraprendere il viaggio di trasformazione.


È l’allineamento tra Counselor e cliente il fattore che porta al cambiamento. E potremmo paragonare il percorso di aiuto a un cammino insieme. L’affiancamento e il supporto contano tanto quanto lo sguardo professionale.

Io penso spesso che il Counseling faccia paura. Lo dico perché lo vedo. Le persone vorrebbero cambiare senza farsi minimamente toccare da qualcuno. È naturale avere timore. Perché nessuno vuole mostrare le proprie vulnerabilità.


Trarre forza da una guida

Ti svelo un segreto: anche i Counselor si fanno aiutare. Perché, come tutte le persone di questo mondo, ciascuno di noi ha bisogno di uno sguardo esterno per potersi davvero vedere. In ciò che fa e per come agisce.


Ho sempre la sensazione che, più di un percorso di Counseling, spaventi la vicinanza di una persona (inizialmente) estranea alla propria vita.


Chi inizia un percorso di Counseling non trova solo un mentore. Ma una presenza che lascia impronte sulle quali appoggiare con sicurezza i propri passi timorosi. Si può trarre grande forza da questa guida.


Counseling online: ascolto e trasformazione

Se da una parte ci trasformiamo anche ‘solo’ osservandoci in modo diverso (attraverso lo sguardo di un’altra persona) dall’altra parte abbiamo bisogno di molto altro, per riscrivere davvero lo scenario che abbiamo dentro da tempo.


Creare o ricreare una vita a partire da quello che c’è è questione di strategia, visione, pianificazione.


Non è solo una questione di empatia. Si tratta di aiutare la persona a compiere un pivot interiore. Il pivot è un movimento di rotazione di sé che porta a segnare un punto a proprio favore.


Ed è di questa rotazione degli equilibri interni, che si occupa il Counseling.

Vedi. Hai il coraggio di guardarti. Ti lasci condurre nel creare un nuovo equilibrio e delle nuove immagini interiori. Questo è l'essenziale per portare poi 'fuori' ciò che avrai dentro.

A un nuovo mondo interiore ne corrisponderà uno fuori.


Se tutto questo richiede coraggio (agire col cuore) possiamo segnare, come prima tappa, ‘il coraggio di stare in relazione con il Counselor’. Per poi godere dei frutti di questo allineamento.


bottom of page