top of page
  • Immagine del redattoreGiulia

Scrivere dal corpo®: parteciperai?

Aggiornamento: 25 mar 2023




Le narrazioni interiori sono potenti quanto invisibili. E la cosa intrigante è che noi non smettiamo mai di raccontarci qualcosa. Non mi riferisco solo al parlottìo che può accompagnare una giornata carica di impegni.


Silenziosamente, l’inconscio stabilisce una connessione profonda con le nostre strutture fisiche. E il corpo diventa ciò che pensiamo. Diventiamo ciò che non affrontiamo, e incarniamo, nella postura, i drammi che ci portiamo addosso. Ora come pesi, ora come mantelli.

È di questo materiale vivo che ci prendiamo cura durante il laboratorio “Scrivere dal corpo®”. Ti aspetto il 4 marzo a Prato, dalle 10.00 alle 12.30. Iscriviti. Il laboratorio ha un costo di 40 euro correttamente fatturate.

Scopri il laboratorio

Possiamo andare a caccia di quelle narrazioni urgenti incise nella pelle. Possiamo usare il corpo a nostro vantaggio, e riportarlo alla sua centralità di maestro, in un tempo fatto di ascolto e scrittura.


Il laboratorio non sintetizza i sintomi del corpo preconfezionando i loro significati. Anzi. Questo non accadrà mai, nel mio lavoro. Perché ciascuno è unico, nel proprio corpo. E non è possibile quindi dare, ad ogni sintomo, tensione, dolore, un significato valido per tutti.


Il tempo del laboratorio è piuttosto votato al recupero di un dialogo esclusivo e personale con l'anatomia che ci sostiene ogni giorno.


La persona è guidata. E attraverso l’aiuto può avvicinarsi all’ascolto sottile di ogni sua parte anatomica: visceri, muscoli, ghiandole, strutture scheletriche...

La scrittura parte da qui, da una connessione raffinata e sottile, dove la mente non può arrivare ad interferire.





Tra ascolto e scrittura

I partecipanti sono orientati al recupero di una sensitività strutturale che porta in primo piano i significati e i contenuti del corpo, con le sue zone contratte, forti, sane, o fragili.


Si scrive da qui, da questo punto di ascolto. E si lascia parlare il corpo a presa diretta con la mano scrivente.


Nelle precedenti esperienze del laboratorio, le persone hanno potuto ritrovare ricordi "dentro" a una tendinite, messaggi delicati dentro a una tensione alla spalla. Giusto per restituire qualche esempio.

L’ascolto del corpo resta una delle più potenti medicine per i mali dell’anima. La scrittura, nel laboratorio, diventa uno strumento di chiara introspezione, una via rivelatoria dell’indicibile. Ed è più che mai al servizio dell'interiorità di ciascun partecipante.


Tutte le persone sono sempre supportare dalla mia presenza attraverso il Counseling. È importante dirlo, perché i vissuti “incagliati” nel corpo possono essere delicati quanto esplosivi.


Commentaires


bottom of page