top of page
  • Immagine del redattoreGiulia

Tarocchi online e orientamento


Giulia Scandolara, tarocchi online, orientamento

Un bivio, un muro, un enigma: è quando sei di fronte a questi scenari, che la lettura di tarocchi online svolge al meglio la sua funzione di orientamento.


Tarocchi online: quando lasciarsi aiutare

Ci sono frangenti in cui i tarocchi possono avere una funzione di contemplazione.


Chiunque può comprarsi un mazzo di marsigliesi e lasciarsi affascinare dagli arcani, seguendo – per osservazione – la suggestione interiore che ne nasce.


Questa pratica è votata alla ricerca libera di associazioni e ispirazioni. Ma usare i tarocchi in questo modo non porta ad ottenere risposte specifiche, per la situazione che vuoi districare.


Usare i tarocchi per risolvere gli enigmi della vita

C’è un modo utilitaristico di vivere i tarocchi, ed è il modo migliore per impiegare questo raffinato strumento, quando cerchi risoluzioni, chiarezza, e risposte. Ovvero: farteli leggere, entrando nella loro dinamica.


I tarocchi, non più osservati in modo slegato tra loro, quindi "da contemplare", bensì letti entro quell’organizzazione sistemica che è la lettura dei tarocchi, esprimono tutta la propria capacità di dare risposte precise.


L'uso dinamico dei tarocchi

Quindi, attraverso una lettura di tarocchi (anche online, purché professionale) puoi:

  • decidere quale strada prendere se sei a un bivio

  • oltrepassare quella situazione che percepisci come un muro

  • risolvere un enigma, ad esempio, capire cosa ti trattiene ancora in una situazione del passato, o cosa ti impedisce di avanzare


Giulia Scandolara lettura dei tarocchi online, orientamento.


Lettura dei tarocchi online: oltre la rappresentazione della via iniziatica

Molti dicono che i tarocchi sono l’emblema del viaggio dell’eroe (posso dirlo? Che palle!). Certo, rappresentano una via iniziatica, con le sue sfide e le sue conquiste.


Se ci limitiamo a vedere i tarocchi sotto questa lente, non capiamo davvero il loro scopo.

Possiamo notare, piuttosto, che i tarocchi rappresentano una via iniziatica quando sono statici, quando cioè vengono contemplati "da fermi", all’interno di quello che si chiama Diagramma 3x7 (qui sotto).



Giulia Scandolara, lettura dei tarocchi, counseling, orientamento


La lettura dei tarocchi online, e il senso dei tarocchi in movimento

Il vero senso, e la vera funzione dei tarocchi, noi li intendiamo quando questi si muovono. Quando cioè vengono utilizzati per una lettura dei tarocchi. In questo contesto, i tarocchi rivelano tutta la propria natura: metafisica.


Tarocchi e sincronicità

Usare i tarocchi online, avviando una lettura, significa mettere in atto il meccanismo della sincronicità, mettere in moto la macchina narrativa degli arcani maggiori, e lasciare che questa produca risposte per il consultante.


Quindi: da fermi, i tarocchi rappresentano una via iniziatica, certo, perché sulle lame è questo, ciò che è rappresentato.

Ma i tarocchi non possono essere capiti da fermi, bensì in movimento. In movimento, i tarocchi sprigionano la propria essenza, che è quella di orientare tutti coloro che sono alle prese con un enigma, una crisi, un muro apparentemente insormontabile.


Giulia Scandolara lettura dei tarocchi online, orientamento.

Usare i tarocchi come forma di ascolto e orientamento

La lettura di tarocchi, quindi non è la mera contemplazione dei tarocchi: è una vera e propria sessione di orientamento, ora tra le proprie emozioni, ora tra i propri vissuti.


Tarocchi online e fraintendimenti

Per me è un fatto scontato ma, in effetti, scontato non è. Dire che la lettura dei tarocchi online è una forma di orientamento, significa soprattutto togliere i tarocchi dall’asse della previsione del futuro*. E avviarci a scorgere il suo "reale segreto", che è nel movimento.


*Chi mi legge spesso avrà a noia la mia specifica sul fatto che i tarocchi non prevedano il futuro, ma non tutti leggono sempre i miei post, dunque ci tengo a specificarlo: la lettura dei tarocchi non è una forma di previsione.



“Tu che fai un lavoro strano e particolare…”

Qualche tempo fa, una persona mi ha chiesto di essere intervistata da lei, esprimendo questo pensiero: "sto raccogliendo delle interviste di persone che si occupano si ascolto, aiuto e orientamento. Tu fai un lavoro strano e particolare, ma mi piacerebbe inserire anche la tua intervista".


L’innocente affermazione di questa persona mi ha fatto comprendere quanto non avesse davvero capito il senso della lettura dei tarocchi. Senso, inteso come "direzione".


Dire che i tarocchi sono una forma di aiuto e di ascolto, dire che i tarocchi sono uno strumento per orientare gli altri nelle proprie scelte, è semplicemente l’essenziale.

Tarocchi: non solo un via iniziatica

Eppure, quando si pensa ai tarocchi, non si arriva mai a sviluppare un pensiero completo e coerente sul senso del mazzo.


Creiamo qualche punto di riferimento: i tarocchi rappresentano un viaggio iniziatico (pensiero parziale), non sono uno strumento per predire (grave errore), e sono una macchina metafisica (ci arriviamo). E sì: sono uno strumento di ascolto.


Perdere di vista la corretta collocazione dei tarocchi (nell’ambito dell’aiuto e dell’orientamento) impedisce a molte persone di beneficiare di una lettura e del dono della chiarezza che questa porta.

Non è, molto più semplicemente una questione di pregiudizi sul mazzo: si tratta proprio di un fraintendimento della sua natura stessa. Il Tarot (vangelo non rilegato) è sminuito nella sua capacità di aiuto.



Giulia Scandolara lettura dei tarocchi online, orientamento.

Tarocchi: la definizione di Camoin

Philippe Camoin definiva i tarocchi una "macchina metafisica". Credo le due parole siano quelle più azzeccate, per definire i tarocchi. Includono infatti il concetto di movimento (sempre escluso da chi contempla il mazzo come mero viaggio iniziatico).


E "macchina metafisica" definisce anche come i tarocchi si muovono, ovvero per via metafisica, ovvero per sincronicità. Questa definizione ci consente di superare l'idea del viaggio dell'eroe.


C’è ancora tanta strada da fare, per intendere davvero la raffinatezza di questo strumento.

Il primo passo è capire che, la vera via iniziatica del Tarot, non è quella che esso rappresenta, bensì quella che il Tarot mette a nostra disposizione, durante la lettura, attraverso il mescolarsi dei suoi ingranaggi (le lame, gli arcani).


Una volta azionata "la macchina metafisica", possiamo governare e costruire il nostro destino. Diventiamo così iniziati della nostra stessa vita.


Giulia Scandolara - Tarologa professionista, Gestalt e Art Counselor




Commentaires


bottom of page