top of page

Mentorship talenti: tutti partiamo da zero

Aggiornamento: 22 apr


Giulia Scandolara Mentorship talenti, orientamento talenti

Gli inizi sono belli, e difficili. Quando poi sei alle prese con il tuo talento non ne parliamo. Ma spesso crediamo di essere gli unici a fare fatica.


Forse è una magra consolazione: guarda che nessuno nasce con il talento già organizzato.


Mentorship talenti: perché è difficile iniziare

È difficile perché vuoi fare tutto e il contrario di tutto. Partire da qualcosa – quindi compiere una scelta – richiede invece di fare una prima selezione fra le tue competenze.


"Da dove vuoi partire? E per arrivare dove?" Sono domande che possono metterti in crisi. Ma se impari a scegliere da dove partire tutto sarà più semplice.


Scegliere non significa rinunciare

La maggior parte delle persone che seguo nella Mentorship talenti ha il terrore di perdersi qualcosa, se sceglie un punto di inizio. Dovremmo aver paura della nostra indecisione. Questo sì, che rappresenta un vero problema.


Mentorship talenti: decidi il tuo punto di partenza

"Panico! Se scelgo di iniziare dagli oli essenziali non posso parlare della meditazione". Quello che sfugge è che scegliere significa solo dare la priorità a qualcosa.


Nessuno ha infatti la presunzione di farti rinunciare a una forma espressiva. Ma è chiaro che, senza un punto di partenza, non può esserci tutto il resto. Parti a costruire con me il tuo vestito professionale e la tua prima consulenza. Poi farai anche altro. Ma se mai inizi...


Mentorship talenti: te la spiego in pochi passi

Nella Mentorship impari a progettare il tuo talento. Ti porto a testare il servizio, così che tu possa vedere se funziona.


Poi:

  • perfezioniamo il servizio

  • se funziona lo metti in atto e ti seguo anche dopo la fase di test, per raccogliere i dati

  • quando quel servizio ha raggiunto una certa diffusione e solidità, se vuoi, si costruisce altro

Ma è chiaro che non puoi fare tutto questo in pochi incontri. Però: eccoti descritta la traiettoria.


Giulia Scandolara Mentorship talenti, orientamento talenti

Mentorship talenti: iniziare è un casino perché non hai un metodo

Se capisci che scegliere non significa per forza rinunciare a delle competenze (ma stabilire delle priorità) a questo punto puoi concentrarci per bene su un unico obiettivo iniziale.


Soffermiamoci su un aspetto: la fase di verifica. I fuffa guru che becchi facilmente su Instagram (ma raramente trovi su LinkedIn – anche se comunque bisogna mantenere le antenne dritte ovunque) non ti mettono mai di fronte alla fase di test.


Giulia Scandolara Mentorship talenti, orientamento talenti

C'è un 'dietro le quinte' e poi c'è il vero incontro con la tua sfida

Tutto sembra facile: impari, fai qualcosa, e pensi sia finita lì. Col cavolo. Il banco di prova non è nell’iniziare a progettare qualcosa.


Il vero test è dato dal tuo incontro con gli altri. Ed è per non arrivare impreparati a questo incontro che lavoriamo insieme.

Ma è inutile nasconderlo. All’inizio sei nessuno. Ecco perché è così importante comunicare, comunicar-ti, lavorare sulla preparazione, uscire con la giusta energia e senza bruciare il tuo impegno.


Dopo 6 Mentorship (il minimo per costruire l’intelaiatura del servizio) potresti sentirti affaticat* e provat* perché capisci la mole di lavoro da fare.


Progetti e talenti: quando calcoli male il lavoro da fare

Non vorrei dirtelo: nel progettare te e una consulenza, non hai nemmeno iniziato. Ecco perché devi calibrare bene i passi. E costruire la tua strategia per quando andrai là fuori.


Serve imparare a durare, e arrivare al confronto con i primi clienti (a volte col vuoto, se hai lavorato male). Serve capire se tutto ciò che hai fatto dietro le quinte ora funziona.


I creativi si perdono in un bicchier d’acqua

Facciamo un ripasso di tutto quello che abbiamo detto: c’è un dietro le quinte. È la Mentorship con i suoi primi 6 incontri. Ti allena a diventare professionista mentre progetto il tuo inizio, compiendo delle scelte. Poi?


Molti si abbandonano in fretta

Capisci cosa devi fare e insieme a me inizi (inizi) a prendere le misure al tuo progetto. Imbastisci il tuo vestito. A seconda dell’obiettivo costruiamo un progetto. E arriviamo online, oppure offline per presentarci a possibili clienti. Ci sei ancora?


Lo chiedo perché creativi e figure olistiche fanno in fretta a sognare in grande, per poi sparire davanti alla prova regina.

Ecco perché oggi, prima di seguire qualcuno con la Mentorship, propongo sempre un piccolo questionario in ingresso. Evito di gettare le mie energie. E non ho tutta la vita per aiutare.


La tua espressione creativa richiede impegno a vita

Devo avere la certezza che, quando ci sarà il lavoro sporco, non avrai timore di farlo. Oggi sembra tanto facile imprendere. Beh, non lo è.


Per guadagnare la fiducia degli altri, per arrivare a raggiungere obiettivi minimi, servono anni di impegno.

Lavorando solo per 6 mesi inizi a vedere i primi risultati. Ma molti nemmeno ci arrivano, ai sei mesi.


Se scegli di esporti facendo la tua cosa è importante: fai prima una riunione con te. E chiediti: sono dispost* a continuare per tutta la vita ad occuparmi di questo, investendo risorse e impegno per costruire la mia professionalità? Non m’importa la risposta. Inizia a farti la domanda.


Giulia Scandolara Mentorship talenti, orientamento talenti

Mentorship talenti: un pacchetto da 6 consulenze è abbastanza?

No. Secondo te com’è possibile costruire la propria carriera in 6 ore, o sei incontri da 1 ora?

Ma ti dico cosa puoi apprendere e fare in 6 ore:

  • puoi partire bene, evitando perdite di tempo e la tua procrastinazione

  • puoi iniziare a costruire la tua veste professionale

  • puoi prendere le misure al tuo settore e decidere cosa fare e non fare

  • puoi progettare la tua strategia d’azione, poi la parte esecutiva e comunicativa

  • puoi costruire nel dettaglio una consulenza

  • puoi acquisire nuove competenze tecniche di base per comunicare online (per me: su Instagram, LinkedIn, Facebook) o puoi valutare di fare un sito

Con un pacchetto sei a metà opera del tuo inzio. Con due pacchetti sei a cavallo.


Perché una Mentorship dura 6 incontri?

Perché le persone sono terrorizzate dal prendere un impegno a lungo termine con sé stesse. Soprattutto quando si parla di talento. Sembra incredibile, ma è così.


Fa paura, non tanto investire soldi, ma mettere davvero un piede nel proprio sogno. E questo perché sognare è facile, non costa niente.


E nella nostra testa siamo tutti Dio in ciò che facciamo. La realtà però ci manda a tappeto ogni giorno. Qui, nella realtà, è dove io ti rendo forte nel legame con te e il tuo talento. E questo fa impazzire di gioia le persone. I tuoi futuri clienti.


Giulia Scandolara - Tarologa professionista, Gestalt e Art Counselor





Comments


bottom of page