top of page
  • Immagine del redattoreGiulia

Lettura dei tarocchi: dà risposte attendibili?

Aggiornamento: 17 apr 2023




Va fatta una premessa. Non tutte le letture dei tarocchi sono uguali. Quindi, a questa domanda, servirà dare una risposta articolata per dissipare davvero ogni dubbio in modo definitivo.


Nel settore, purtroppo, trionfano soprattutto strani metodi di lettura, non ben definiti, che rischiano infatti di confonderti le idee. Mi riferisco alla lettura dei tarocchi intuitiva, e alla lettura dei tarocchi predittiva (con domande poste al futuro).


Queste due modalità di lettura dei tarocchi, no, non funzionano. Creano solo più confusione nella persona perchè danno risposte del tutto inesatte.

Per assurdo, però, sono le modalità di lettura più note, e sono anche quelle che agitano gli animi creando un mare di fraintendimenti. Questi fraintendimenti ostacolano la chiarezza interiore e la potenza insita nel buon uso dei tarocchi.


Quindi, chiariamolo definitivamente. La lettura dei tarocchi nasce proprio per dare risposte attendibili. E le dà a tutti gli effetti. Ma dev'essere di tipo professionale.


Oggi ti porto quindi a scoprire le differenze tra questi tre metodi di lettura, così che in futuro tu non abbia mai più un solo dubbio sul da farsi quando vorrai farti leggere i tarocchi.


Tarocchi online: no a chi legge i tarocchi intuitivamente

La lettura intuitiva dei tarocchi è quella più diffusa (anche quando si parla di tarocchi e loro insegnamento). Ma, se vuoi una lettura dei tarocchi precisa e dalle risposte certe, evita questo tipo di ‘approccio’ (ammesso lo si possa definire, appunto, un approccio).


Breve parentesi. Se ami i tarocchi e vorresti imparare, ecco, a maggior ragione rifuggi da tutti coloro che vogliono insegnarti un metodo intuitivo. In questi corsi vengono poi utilizzati mazzi di tarocchi fuorvianti, perchè 'non marsigliesi'.


I tarocchi marsigliesi sono del tutto ignorati da chi legge i tarocchi intuitivamente. Per forza! Richiedono studio e serietà, competenze di pochi, in questo settore.


La lettura intuitiva dei tarocchi non funziona

È definita ‘lettura intuitiva’ perché il cartomante o la cartomante (quindi: non una tarologa) estrapola dei significati che nascono da percezioni personali, scaturite dall'osservazione emotiva della stesa (viene definita 'stesa' l'insieme di arcani che compongono la tua lettura).


Di solito, chi pratica questa lettura, millanta oscuri poteri di cui serve essere in possesso per poter leggere i tarocchi. I tarocchi, invece, molto più semplicemente, vanno studiati. E non servono poteri particolari.


Non è possibile dare un’interpretazione personale dei tarocchi surfando le emozioni del momento o abbinando alle immagini della lettura ciò che viene percepito intimamente. E non servono poteri per leggere i tarocchi. Ricordalo.

Il sentire personale, inoltre, non dovrebbe mai fare capolino in chi sta leggendo i tarocchi per te. Anzi. Questa consulenza deve vivere di imparzialità e rigore.


Nella lettura intuitiva è utilizzato il mazzo di tarocchi sbagliato

Come ho detto in un altro post, spesso in queste circostanze viene utilizzato un mazzo di tarocchi in apparenza più comodo per la lettura.


Si tratta del mazzo Rider Waite che, in ogni caso, lettura intuitiva o no, non si presta affatto per leggere i tarocchi, dal momento che servono risposte precise. E perché questo mazzo tanto apprezzato non va bene?


Questo è un ottimo mazzo da collezione, ma niente di più. I disegni stilizzati, purtroppo, hanno letteralmente spazzato via tutti i codici necessari alla chiara visione dei messaggi dati dal tarot. Codici che vanno stu-dia-ti.


Perché la lettura intuitiva dei tarocchi non va bene?

Perché, in base allo stato d’animo di chi legge, la risposta della lettura dei tarocchi varia in continuazione a causa delle interpretazioni e delle opinioni personali espresse in sede di lettura.


Questo significa che è impossibile uscire dalla ‘consulenza’ con le idee chiare. Inoltre, ponendo la stessa domanda a più cartomanti, si raccoglieranno sempre interpretazioni nuove e diverse. Un disastro, per te.


Ecco perché poi, molte donne, continuano a passare di cartomante in cartomante. È soprattutto fra queste sedicenti professioniste (del raggiro!) che prospera la lettura intuitiva.


La persona, non vedendo la realizzazione di quanto detto durante la prima consulenza, continua a farsi leggere le carte da millemila dilettanti senza sapere che, queste letture, vengono realizzate in modo del tutto errato e approssimativo.

Il risultato? Se la cliente di queste sciagurate cartomanti sei tu, be’, accumuli una tale quantità di risposte – sempre discordanti tra loro – da non capirci più niente. La lettura dei tarocchi di tipo intuitivo mette in testa ancora più confusione dell'incertezza che avevi prima di iniziare. No, non ti dà la risposta vera che meriti e cerchi.


Tarocchi: lascia perdere domande al futuro e lettura predittiva

Un altro grande “no” va alla lettura predittiva. È quel tipo di lettura dei tarocchi che parte già male perché la domanda è posta al futuro. Non ha nessun senso fare le domande al futuro, perchè il futuro si costruisce chiarendo il presente e facendo luce sull'oggi.


Cosa c’è di così sbagliato nell’utilizzare i tarocchi per fare domande al futuro? Tutto.

Perché questa tipologia di domande è inutile. Che la risposta sia sì, che la risposta sia no, la persona (tu, in questo caso) non può far altro che ricevere una sentenza.


Facciamo qualche esempio pratico, citando alcune domande al futuro: “Riuscirò a trovare lavoro?” No. “Avrò un incidente?” Sì. Se, nella peggiore delle ipotesi, il responso fosse sempre negativo, la persona non potrebbe far altro che sprofondare in un’angoscia implacabile.


Finisci in una scia fuorviante di 'non so'

E se le risposte dessero esito buono? Eh, serve in ogni caso valutare se, chi ci ha letto le carte, ha usato il giusto mazzo di tarocchi, e non ha fatto una lettura di tipo intuitivo. Quindi, si ritorna sempre allo stesso problema: non vi è, alla base della lettura, un metodo affidabile.


Oltre a queste constatazioni, la persona che ti ha letto i tarocchi ha utilizzato uno strumento potente come il tarot in modo del tutto bizzarro e sconclusionato. Il tarot, invece, è uno strumento preciso e dallo scopo raffinato.


La lettura dei tarocchi non si improvvisa

I tarocchi (di Marsiglia) non si leggono in modo intuitivo e nemmeno per porre le domande al futuro.


La possibilità di avere risposte certe esiste. Anzi, va detto che i tarocchi si leggono proprio per avere risposte certe. Ma è indispensabile che la lettura segua una procedura rigorosa e professionale.

Tarocchi: la lettura professionale dà risposte certe

È solo la lettura professionale, che può darti risposte certe.


Ma quali sono esattamente, le caratteristiche di una lettura professionale dei tarocchi? Eccole:

  • la lettura è professionale perché, chi la pratica, conosce la lingua del tarot e l'ha studiata e sperimentata negli anni (è previsto lo studio di grammatica, vocabolario e sintassi della lingua pittografica del tarot, nonchè la sua pratica costante attraverso molte letture),

  • attraverso la decodifica dei codici visivi (quindi senza interpretazioni personali) è possibile restituire al/la consultante delle risposte estremamente precise e oggettive,

  • sia in sede di domanda, che in sede di risposta, la tarologa usa solo determinate parole, e le sceglie con estrema cura, sapendo di essere responsabile di una chiara e precisa restituzione del messaggio inequivocabile trasmesso dalla stesa.

Quindi, tornando alla domanda con cui ho aperto il post: “la lettura dei tarocchi dà risposte attendibili?”. Sì, a patto che sia professionale. E non intuitiva o predittiva.

Tarocchi: piccola parentesi per le domande al futuro

Queste domande, oltre a dare comunque sentenze e risposte inesatte nel 99% dei casi (nell'1% le cose si avverano per autosuggestione del/la consultante) fanno decadere la vera funzione della lettura.


Mentre la tarologa legge i messaggi della stesa, infatti, avvia anche un dialogo – necessario e determinante per la guarigione interiore personale – che è poi il secondo vero motivo per cui si leggono i tarocchi.


La lettura professionale, quindi, svolge al meglio il servizio che i tarocchi sono tenuti a compiere, come strumento di aiuto per le persone: danno risposte precise e chiare, attivano un profondo processo di guarigione interiore. Tutto il resto, è fuffa.


bottom of page